Vai al contenuto

Geology is the Way

Forma dei cristalli (rocce ignee)

Le rocce ignee derivano dalla solidificazione di magma o lava che produce cristalli ed, eventualmente, vetro vulcanico. Quando cristallizzano da un fuso, i cristalli in crescita competono per lo spazio e possono venire riassorbiti se la loro composizione chimica non è più in equilibrio con quella del fuso che li circonda. Di conseguenza, la forma dei cristalli è un importante indizio tessiturale che fornisce informazioni sulla storia di cristallizzazione di una roccia ignea.

Euedrale, subedrale, anedrale
I cristalli nelle rocce sono classificati come euedrali, subedrali ed anedrali in base alla loro forma cristallina. Questi tre termini derivano dalla stessa radice greca, hedron, che significa ‘faccia’ (di una figura solida). Eu significa ‘buono’, da cui euedrale ‘buona faccia’ (faccia ben formata). Il termine ‘anedrale’ contiene invece l’alfa privativa e indica l’opposto (nessuna faccia). Subedrale ha un significato intermedio fra i due (alcune facce formate).

Cristalli euedrali
I cristalli sono detti euedrali (sinonimi: idiomorfici, automorfici) quando sono delimitati dalle loro caratteristiche facce cristalline, ovvero quando mostrano il loro abito cristallino. Nelle rocce ignee, i cristalli riescono ad essere euedrali solo quando sono stati liberi di crescere liberamente nel magma, non interagendo od interferendo con cristalli adiacenti, e non sono stati corrosi dal liquido. In genere, i cristalli euedrali sono i primi prodotti di cristallizzazione dal fuso.

Cristalli anedrali
I cristalli anedrali (sinonimi: xenomorfici, allotriomorfici) sono cristalli a cui manca completamente la loro caratteristica forma cristallina. Questo include cristalli che proprio non hanno alcuna forma definita, come ad esempio cristalli riassorbiti dai contorni irregolari, ma anche cristalli interstiziali, cresciuti nel poco spazio a disposizione fra cristalli pre-esistenti. In quest’ultimo senso, i cristalli anedrali possono essere di fatto delimitati da facce cristalline, ma non sono le loro, ma quelle dei cristalli che stanno loro attorno.

Cristalli subedrali
I cristalli subedrali (o ipidiomorfi) sono delimitati da alcune delle loro facce cristalline caratteristica. Questo significa che sono stati in grado di cristallizzare con il loro abito caratteristico solo parzialmente, delimitati durante la crescita da cristalli pre-esistenti presenti in alcune direzioni.

Esempi a scala dell’affioramento

feldspato alcalino in monzogranito

Fenocristalli di feldspato alcalino dalle facce cristalline ben definite (euedrali). Monzogranito del Monte Capanne, Isola d’Elba. [vedi post]

cristalli riassorbiti in enclave mafica

Cristalli di feldspato alcalino dai contorni arrotondati e smussati (anedrali) in un incluso mafico. Monzogranito del Monte Capanne, Sant’Andrea, Isola d’Elba. [vedi post]

pirosseno in gabbro

Cristalli da subedrali ad anedrali di pirosseno (lucentezza metallica) intercresciuti con plagioclasio (verde) in un gabbro da Castiglioncello, Livorno. [vedi post]

Esempi alla microscala

olivina euedrale

Cristalli di olivina euedrali, con facce cristalline ben formate, in un basalto islandese. NX. Larghezza: 2mm. Foto © Alessandro Da Mommio.

ortoclasio subedrale

Cristalli di ortoclasio prismatici. Le facce cristalline sono parzialmente piane (perlopiù al contatto tra cristalli di ortoclasio vicini) e sono irregolari al contatto col quarzo, che costituisce i cristalli a grana fine in pasta di fondo. Il quarzo non ha una forma definita (anedrale). Granito di Strathbogie, Australia. NX. Foto © Rockswhisperer.

nefelina

Nefelina con abito subedrale. Notare che facce planari sono visibili in alcuni punti (ad esempio in basso a sinistra), ma nella maggior parte dei casi i contorni del cristallo sono intercresciuti con altri cristalli nella pasta di fondo. Isole di Capo Verde. NX. Larghezza: 2 mm. Foto © Alessandro Da Mommio.

quarzo anedrale

Cristallo di quarzo riassorbito con abito anedrale in una riolite. San Vincenzo, Toscana. NX. Larghezza: 2 mm. Foto © Alessandro da Mommio.

Bibliografia

        

Risorse in Italiano
Atlante delle rocce magmatiche e delle loro tessiture. Zanichelli.
Geologica. Capire le Scienze della Terra. Per le scuole superiori.
Capire la Terra. Zanichelli.

en_US English
Minerali Ignei
Tessiture Ignee
Rocce Plutoniche
Corpi Ignei

 

Ti piace questa pagina?