Vai al contenuto

Geology is the Way

Granito

Il granito è una roccia ignea plutonica costituita essenzialmente da quarzo, feldspato alcalino e plagioclasio sodico, assieme a minerali mafici, in genere biotite ed orneblenda, che normalmente costituiscono meno del 20% della roccia. Il nome deriva dalla parola latina granum, grano, in riferimento al suo aspetto granulare. I graniti sono fra le rocce ignee più abbondanti nella crosta continentale, al punto che la composizione media della crosta superiore è considerata essere quella di un granito. I graniti si ritrovano in una vasta gamma di ambienti geodinamici da archi magmatici, catene orogeniche, cratoni e zone di rifting.

Classificazione
Il termine ‘granito’ nella letteratura geologica è stato usato spesso in senso generale, in riferimento ai granitoidi, tutte le rocce dal granito a feldspati alcalini alla tonalite contenenti più del 20% di quarzo fra i minerali felsici. Parlando in senso stretto, tuttavia, i ‘veri’ graniti nel diagramma QAPF sono ristretti alle rocce plutoniche con contenuto di quarzo compreso fra il 20 e il 60% dei minerali felsici e plagioclasio compreso tra il 10 e il 65% dei feldspati. Questo campo relativamente esteso viene ulteriormente suddiviso in due sottocategorie, sulla base del rapporto plagioclasio/feldspati totali: sienogranito (plagioclasio/feldspati < 35%) e monzogranito (plagioclasio/feldspati > 35%).

Graniti peralluminosi e graniti peralcalini
Nei graniti, l’Al e gli elementi alcalini (K, Na, Ca) sono normalmente legati assieme alla silice a formare feldspati. Questo è il caso della maggioranza dei graniti, noti come metalluminosi e caratterizzati da K2O + Na2O + CaO > Al2O3 > K2O + Na2O. Tuttavia, alcuni graniti, detti peralcalini, contengono elementi alcalini in eccesso rispetto all’Al (K2O + Na2O + CaO > Al2O3). All’estremo opposto, i graniti peralluminosi contengono Al in eccesso rispetto agli elementi alcalini (K2O + Na2O + CaO < Al2O3). Questa differenza ha un profondo effetto sulla mineralogia dei graniti: 
• i graniti peralcalini contengono minerali che accomodano K, Na e Ca nella loro struttura consumando meno Al dei feldspati, come l’anfibolo (riebeckite) o il pirosseno sodico (egirina);
• nei graniti peralluminosi l’Al in eccesso va a produrre minerali ricchi in Al come muscovite, granato, cordierite, ed Al2SiO5 (es. andalusite). Un granito contenente sia muscovite che biotite è detto granito a due miche;
• nei graniti metalluminosi, l’Al e gli elementi alcalini sono bilanciati a produrre feldspati. Eventuale Ca in eccesso generalmente va a formare orneblenda.

granito

Granito con feldspati alcalini (rossi), plagioclasio (bianco), quarzo (grigio, trasparente) e minerali mafici scuri (biotite ed orneblenda). Vista: 21 cm. Foto Siim Sepp.

Granito
Roccia ignea plutonica
Minerali sialici:
quarzo
feldspato alcalino
plagioclasio sodico
Minerali mafici:
biotite
orneblenda

Classificazione QAPF
Q = 20 – 60%
Plagioclasio/feldspati = 10 – 35% (sienogranito); 35 – 65% (monzogranito)
Varietà colorate:
• leucogranito (M < 5%)
• melagranito (M > 20%)
Altre varietà:
granito peralcalino, granito peralluminoso, granito a due miche
Equivalente estrusivo: riolite

Classificazione genetica
I graniti sono suddivisi anche in base alla loro (supposta) origine in graniti di tipo I, S, M, A e H, dove le lettere stanno per: I = igneo, S = sedimentario, M = mantello, A = anorogenico, H = hybrid, ibrido. Questo schema classificativo si basa su una serie di osservazioni che includono la mineralogia del granito, il suo ambiente geologico di formazione e la sua geochimica. I graniti I-type sono interpretati come derivanti dalla fusione di una sorgente ignea nella crosta inferiore e sono tipicamente metalluminosi, contenenti biotite e/o orneblenda. I graniti S-type  sono graniti peralluminosi, considerati il prodotto di fusione di una sorgente sedimentaria (metapeliti), dal momento che le rocce sedimentarie sono comunemente arricchite in Al. I graniti M-type sono considerati essere prodotti di cristallizzazione frazionata di magmi basaltici derivanti direttamente dalla fusione del mantello. Come tali, i graniti M-type sono molto limitati volumetricamente e si ritrovano in associazione con rocce mafiche, dal momento che la loro formazione richiede la cristallizzazione di volumi di basalti molto elevati. I graniti A-type (anorogenici) si trovano in ambienti cratonici o intracontinentali (rift) e sono generalmente peralcalini. Infine, i graniti H-type sono considerati essere il risultato del mescolamento di due magmi originatisi da sorgenti differenti.

Leucograniti
I leucograniti o graniti di colore chiaro, caratterizzati da contenuto modale molto basso o assenza totale di minerali mafici (M < 5%), sono comunemente trovati come dicchi in prossimità o all’interno di intrusioni granitiche più grandi e solitamente rappresentativi degli ultimi stadi di cristallizzazione di un magma molto evoluto. Un’aplite è una varietà di leucogranito a grana fine, contenente solo quarzo e feldspati a grana < 1 mm.

granito porfirico

Granito con megacristalli prismatici di feldspato alcalino in una matrice di plagioclasio (bianco), quarzo (grigio, trasparente) e biotite (nera). Granito di Land’s end, Cornovaglia, Regno Unito. Foto Margaret W. Carruthers.

granito a due miche

Granito a due miche (peralluminoso) con abbondante quarzo (grigio, trasparente), feldspato alcalino (trasparente fino a bianco/rosa chiaro) e plagioclasio (bianco latte). I minerali mafici sono biotite (nera, metallica) e muscovite (metallica). Foto Yannick Vandenberghe.

monzogranito

Monzogranito con quarzo, feldspato alcalino, plagioclasio e biotite (nera). Cava vicina a San Piero in Campo, Monte Capanne, Isola d’Elba.

granito di Joshua Tree

Granito esposto presso Joshua Tree, California, Stati Uniti. Blog post.

monzogranito con dicco aplitico

Monzogranito con grossi cristalli di K-feldspato, tagliato da un piccolo dicco aplitico. Cava San Piero, Monte Capanne, Isola d’Elba.

Bibliografia

        

Risorse in Italiano
Atlante delle rocce magmatiche e delle loro tessiture. Zanichelli.
Geologica. Capire le Scienze della Terra. Per le scuole superiori.
Capire la Terra. Zanichelli.

en_US English
Minerali Ignei
Tessiture Ignee
Rocce Plutoniche
Corpi Ignei

 

Ti piace questa pagina?