Vai al contenuto

Geology is the Way

Tremolite

Monoclina

Ca2(Mg5-4.5Fe0-0.5)Si8O22(OH,F)2

La tremolite è un anfibolo calcico ed il termine magnesiaco della serie tremolite – ferro-actinolite, una soluzione solida continua guidata dalla sostituzione di Mg per Fe2+. La tremolite è stata battezzata nel 1789 in riferimento alla Valle di Tremola (Svizzera) da Johann Georg Albrecht Höpfner, giornalista e farmacista svizzero che ne studiò alcuni campioni che riteneva fossero originari di questa valle. Tuttavia, studi moderni conclusero che il materiale tipo della tremolite derivasse in realtà da Campolungo, 13 km più a sud.

Struttura e chimismo
[Visita questa pagina per maggiori dettagli sulla struttura degli anfiboli]
Gli anfiboli calcici sono caratterizzati generalmente dal sito cationico A (il sito più grande) vacante e di dimensioni minori rispetto ad altri anfiboli. Il Mg ed il Fe2+ occupano i siti ottaedrici M1, M2, and M3, mentre il Ca si trova nel sito ottaedrico M4, più grande. La soluzione solida fra tremolite e ferro-actinolite è guidata dalla sostituzione di Mg per Fe2+. La tremolite è il termine più ricco in magnesio e non contiene più di 0.5 Fe per unità di formula, mentre la ferro-actinolite è il termine più ferroso, contenente oltre il 4.5 Fe per unità di formula. Le composizioni intermedie, note come actinolite, contengono fra lo 0.5 e il 4.5 Mg (o fra il 4.5 – 0.5 Fe) per unità di formula. Molte altre sostituzioni esistono negli anfiboli calcici e causano una deviazione significativa della loro composizione dalla soluzione solida ideale tremolite – ferro-actinolite. In prim’ordine, l’Al può essere incorporato nella struttura degli anfiboli calcici, grazie ad una sostituzione del Si per Al, compensata dalla coeva sostituzione di (Mg, Fe) per Al o l’incorporazione di Na nel sito A. Questa variabilità chimica rappresenta di fatto una soluzione solida parziale con le orneblende, la cui estensione è maggiore a temperatura più elevate. Altre sostituzioni che avvengono negli anfiboli calcici sono la sostituzione di Ca per Na, compensata dalla coeva sostituzione di Mg e Fe per Al, ed una sostituzione molto limitata di Fe e Mg per Ca. Inoltre, il Mn e lo Zn possono sostituire il Fe ed il Mg nei siti ottaedrici.

tremolite - talco

Cristalli prismatici di tremolite circondati da talco a grana molto fine in un hornfels a tremolite e talco. NX. Vista: 3 mm. Norsi, Isola d’Elba.

Proprietà
Abito: prismatico, aciculare, fibroso
Durezza: 5 – 6
Sfaldatura: {110} perfetta (intersezione a 56° / 124°); {100} partizione
Geminazioni: {100} semplice, lamellare: comune; {001} lamellare: rara
Colore: incolore o grigio
Lucentezza: vitrea
Struscio: bianco
Alterazione: minerali argillosi, clorite, talco, serpentino
In sezione sottile…
α(α^a): ~1.599
β(//b): ~1.610
γ(γ^c = ~28°): ~1.620
2Vα: ~82°
Colore: incolore
Pleocroismo: non pleocroico
Birifrangenza (δ): ~0.027 (colori del second’ordine)
Rilievo: alto
Segno ottico:
[Mindat]

Caratteristiche di terreno

tremolite morfologia cristallo

Schema della tremolite con evidenziata la posizione degli assi cristallografici, degli indici di rifrazione e delle tracce delle sfaldature. Modificato da Optical Mineralogy: Principles and Practice.

La tremolite sul terreno si ritrova come cristalli aciculari o fibrosi (più raramente prismatici) che si rompono facilmente in piccoli aghetti grazie alla loro sfaldatura prismatica (attenzione: la tremolite appartiene al gruppo dell’amianto). Cristalli più grandi possono mostrare una lucentezza vitrea. La tremolite si ritrova perlopiù in marmi impuri, rocce a calcsilicati, skarn e rocce mafiche ed ultramafiche metamorfosate.

scisto a tremolite

Piccoli aghetti di tramolite in uno scisto dalle Adirondack Lowlands, New York State, Stati Uniti. Vista: 2 cm. Foto © James St. John.

La tremolite in sezione sottile
[Visita questa pagina per maggiori dettagli sulle caratteristiche generali degli anfiboli]
Ci sono solo due anfiboli trasparenti e non pleocroici: la tremolite e la cummingtonite. I due minerali sono molto simili in termini di birifrangenza ed angolo di estinzione ed entrambi hanno allungamento positivo. Differiscono per il segno ottico (la tremolite è negativa, la cummingtonite è positiva) e per gli indici di rifrazione, che danno alla cummingtonite un rilievo più elevato. Questi due anfiboli si ritrovano in rocce metamorfiche differenti. La tremolite si trova in rocce metamorfiche ricche in Ca, come marmi, rocce a calcsilicati, rocce ultramafiche e metabasiti, mentre la cummingtonite è limitata a rocce mafiche e ultramafiche povere in Ca. Un’altra differenza è che la tremolite mostra geminati multipli molto più raramente rispetto alla cummingtonite.

NX
NX
NX
N//
N//

Sezione basale di tremolite, con i tipici piani di sfaldatura ben sviluppati, circondata da talco a grana molto fine in un hornfels. Notare la completa assenza di colorazione o pleocroismo a N// e i colori di interferenza del secondo ordine a NX. Vista: 1 mm. Norsi, Isola d’Elba.

NX
NX
NX
N//
N//

Sezione prismatica di tremolite, che mostra colori di interferenza alti, del second’ordine. La tremolite è qui circondata da talco e misture brunastre di ossidi e minerali argillosi. Vista: 1 mm. Norsi, Isola d’Elba.

NX
NX
NX
N//
N//

Sezioni prismatiche e basali di tremolite. Vista: 1 mm. Norsi, Isola d’Elba.

In the video shown below, you can see the oblique extinction and positive sign of elongation (length slow) of tremolite in the same sample. Vista: 1 mm.

Ritrovamento
La tremolite è un prodotto comune del metamorfismo regionale e di contatto di marmi, dove si forma per decarbonatazione della dolomite in presenza di quarzo o SiO2 trasportata da fluidi metasomatici. In queste rocce, la tremolite è stabile in facies anfibolitica ed hornfels ad anfibolo, mentre a grado più elevato viene sostituita da diopside o olivina forsteritica. La tremolite si può formare inoltre durante il metamorfismo in facies scisti verdi di rocce mafiche ed ultramafiche. Tuttavia, il più alto contenuto di ferro produce generalmente actinolite nelle rocce mafiche. Nelle rocce ultramafiche, il metamorfismo regionale o di contatto di basso grado producono delle paragenesi distintive, come tremolite-talco e tremolite-carbonati-antigorite.

Bibliografia

        

Siti di petrografia:
Alexstrekeisen.it
Virtual Microscope

Risorse in Italiano
Glauco Gottardi – I minerali
Klein – Mineralogia
Klein & Philpotts – Mineralogia & Petrografia
Peccerillo & Perugini – Introduzione alla petrografia ottica

en_US English
Proprietà dei Minerali
Minerali

 

Ti piace questa pagina?