Vai al contenuto

Geology is the Way

Addensamento

L’addensamento è un parametro che descrive come i granuli sono organizzati in una roccia sedimentaria clastica l’uno rispetto all’altro. In prima battuta, una roccia clastica può essere:

matrice-sostenuta, quando i granuli non sono in contatto e sono sospesi in matrice più fine
granulo-sostenuta: quando i granuli sono in contatto gli uni con gli altri.

Questa differenza è importante, perché indica il tipo di trasporto subìto da un sedimento. Il trasporto selettivo (es: fiumi) rimuove la matrice e seleziona granulometrie specifiche, mentre il trasporto non selettivo (es ghiacciai) producono depositi ricchi in matrice intorno ai granuli. Riconoscere come i granuli sono addensati è utile per capire quanta matrice è ancora presente negli interstizi tra i granuli.

Addensamento teorico di particelle sferiche. L’impilamento cubico è instabile è tende ad evolvere verso simmetrie ortorombiche con la compattazione. Grafica: Samuele Papeschi/GW.

In un impilamento teoretico di granuli con forma sferica in contatto puntiforme, le porosità tra i granuli contengono tra il 47.6% and 25.9% di spazio vuoto disponibile sul volume della roccia (porosità), a seconda della loro disposizione. Questa porosità può essere riempita da matrice, cemento, o essere in parte vuota e si riduce ulteriormente se i contatti tra i granuli non sono puntiformi. Ecco le possibili situazioni:
contatti puntiformi: i granuli si toccano in un punto
contatti lunghi: i lati lunghi dei granuli si toccano gli uni con gli altri
contatti concavo-convessi: le parti concave dei granuli compenetrano le parti convesse di altri granuli
contatti suturati: bordi seghettati tra granuli compenetrati gli uni con gli altri.

Il tipo di contatto tra i granuli determina la porosità e quindi la percentuale di matrice se i pori sono riempiti. I contatti puntiformi e i contatti lunghi possono formarsi durante la deposizione, mentre quelli concavo-convessi e suturati indicano progressiva compattazione (riduzione della porosità) durante la diagenesi. Una roccia con una prevalenza di contatti lunghi, concavo-convessi e suturati ha una porosità ed eventuale matrice < 15%. Questo può essere utile per riconoscere rocce mature, con basso contenuto di matrice, come areniti e ortoconglomerati.

Tipi di contatti tra granuli in rocce sedimentarie clastiche. Grafica: Samuele Papeschi/GW.

Riferimenti bibliografici
Compton, R. R. (1962). Manual of field geology. Soil Science93(4), 295.
Dott, R. H. (1964). Wacke, graywacke and matrix; what approach to immature sandstone classification?. Journal of Sedimentary Research34(3), 625-632.
Folk, R. L. (1980). Petrology of sedimentary rocks. Hemphill publishing company.
Lewis, D. W., & McConchie, D. (2012). Analytical sedimentology. Springer Science & Business Media.
Powers, M. C. (1953). A new roundness scale for sedimentary particles. Journal of Sedimentary Research23(2), 117-119.
Wentworth, C. K. (1922). A scale of grade and class terms for clastic sediments. The journal of geology30(5), 377-392.
        

Risorse in Italiano
Geologia del Sedimentario. Tucker, 1953.
Rocce Sedimentarie. Tucker, 2010.
Lezioni di Geologia Stratigrafica. Bruno Accordi, 1984.

en_US English
Minerali Detritici e Autigenici
Tessiture
Strutture Sedimentarie
Fossili
Rocce Sedimentarie
Ti piace questa pagina?