Vai al contenuto

Geology is the Way

Stratificazione piano parallela

La stratificazione piano parallela è la struttura sedimentaria più semplice. Si ritrova dove gli strati sono orientati parallelamente gli uni agli altri. In sequenze sedimentarie non disturbate (indeformate), gli strati possono proseguire lateralmente in giacitura orizzontale a scale che variano da diversi chilometri a centinaia di chilometri. Gli strati terminano, quindi, ai margini del bacino sedimentario, oppure progressivamente, divenendo via via più sottili allontanandosi dall’area sorgente del sedimento. La stratificazione piano parallela è comune in ambienti marini (in particolare marini profondi), dove si può formare per lenta deposizione di sedimenti pelagici sospesi nell’acqua o per rapida deposizione di strati a seguito di eventi idrodinamici rapidi (es: correnti torbiditiche). In acque poco profonde, la stratificazione piano parallela si può formare per alternanza di momenti di lenta deposizione e periodi di deposizione rapida di sedimento a grana più grossolana (es. tempeste). In carbonati e rocce silicee pelagiche, che si formano per accumulo di microorganismi sul fondale marino, la stratificazione può riflettere variazioni cicliche nella produttività di questi organismi, per esempio dovute a fluttuazioni nell’orbita terrestre (cicli astronomici).

Le laminazioni piano parallele sono definite da piccole bande (< 1 cm) di litologie o granulometrie differenti. In depositi lacustri vicino a ghiacciai, piccole, variazioni stagionali nell’apporto sedimentario (cicli di disgelo dei ghiacciai estate/inverno) producono un tipo speciale di lamine piano parallele dette varve glaciali. Nella maggior parte dei casi, le lamine piano parallel sono il risultato di correnti trattive molto forti (regime di flusso superiore) che trascinano sedimenti sul fondo di un bacino.

Strati orizzontali piano paralleli, definiti da variazioni di colore che marcano passaggi litologici, alla Quebrada de Cafayate, Salta, Argentina. Foto di travelwayoflife.

Il Kaibab Limestone è una formazione geologica del Colorado Plateau. La sua stratificazione piano parallela è definita da alternanze di calcare/dolomia (strati in evidenza) e argilliti/arenarie (strati erosi). In questo caso, la stratificazione piano parallela è interpretata come il risultato di fluttuazioni del livello del mare, che hanno determinato un passaggio da ambienti marini poco profondi (sedimentazione carbonatica) a ambienti costieri tidali (sedimentazione terrigena). Walnut Canyon, Arizona, Stati Uniti. Foto Samuele Papeschi/GW. [BLOG POST]

Riferimenti bibliografici
Campbell, C. V. (1967). Lamina, laminaset, bed and bedset. Sedimentology8(1), 7-26.
Ingram, R. L. (1954). Terminology for the thickness of stratification and parting units in sedimentary rocks. Geological Society of America Bulletin65(9), 937-938.
Lyell, C., & Deshayes, G. P. (1830). Principles of geology: being an attempt to explain the former changes of the earth’s surface, by reference to causes now in operation (Vol. 1). J. Murray.
Mackenzie, F. T., & Garrels, R. M. (1971). Evolution of sedimentary rocks. New York: Norton.
McKee, E. D., & Weir, G. W. (1953). Terminology for stratification and cross-stratification in sedimentary rocks. Geological Society of America Bulletin64(4), 381-390.
Pettijohn, F. J. (1975). Sedimentary rocks (Vol. 3). New York: Harper & Row.
Schlager, W. (2004). Fractal nature of stratigraphic sequences. Geology32(3), 185-188.
Steno, N. (1669). De Solido Intra Solidium Naturaliter Contento Dissertationis Prodromus: Florence, Italy, Library of Grand Duke Ferdinand II, – V. iv, 131 p. English version: Stensen, Niels 1671, The prodromus to a dissertation concerning solids naturally contained within solids. J. Winter, London, 112 p.

        

Vedi anche
Features from the Field – bedding/stratification – EGU Tectonics & Structural Geology Blog.
SEPM Strata – Bed.
SEPM Strata – Bedding plane

Risorse in Italiano
Geologia del Sedimentario. Tucker, 1953.
Rocce Sedimentarie. Tucker, 2010.
Lezioni di Geologia Stratigrafica. Bruno Accordi, 1984.

en_US English
Minerali Detritici e Autigenici
Tessiture
Strutture Sedimentarie
Fossili
Rocce Sedimentarie
Ti piace questa pagina?